• LA VITA VA COMPRESA

    RICERCATA, DIMOSTRATA, ACCETTATA
  • E, SOPRATTUTTO, VISSUTA

    CON TUTTE LE SUE PECULIARITA'. E CONDIVISA.

Ciao, come stai?

A proposito di parole nuove, la prime parole che ci rivolgiamo quando ci incontriamo sono, di solito, il ciao, come stai? Certamente sorridente e sentito, oltre che gradito e a cui rispondiamo con cordialità ma sia la domanda che la risposta spesso rientrano nelle consuetudini interpersonali che non arrivano mai a lambire le profondità dei nostri stati d'animo.

Non so se capita anche a voi di notare che ci chiediamo come stai?, non tanto distrattamente quanto – piuttosto – velocemente.

Ma quante volte, in realtà, ci sentiamo chiedere come effettivamente ci sentiamo, come stiamo dentro, in quale sfera orbitano le nostre emozioni o i sentimenti piuttosto che i nostri sogni... O magari i nostri dolori, le nostre stanchezze o frustrazioni... o lo chiediamo noi al prossimo che incontriamo?

Andare oltre quello che per quanto sentito si ferma ad un semplice convenevole nei nostri incontri (il come va, come stai), richiede tempo. Un tempo che spesso sfugge, scorre per altre strade, come se fosse lui a scandire i nostri passi, anziché essere noi a gestire il suo ritmo, plasmandolo a misura di tutto il nostro essere.

Per formulare la domanda tu, come ti senti? non ci vuole molto tempo in realtà, il tempo serve poi per ascoltare, perché la risposta conseguente è potenzialmente un mondo, tutto da ascoltare, da comprendere e con cui confrontarci.

O cominciare a farlo. Anche una minuscola esternazione di vita interiore porta ad una grande vastità di riflessioni.

Un semplice come ti senti? oltre che aprire il mondo che si schiude con le risposte che riceviamo, ne apre un altro forse ancora più sconfinato: quello di chi la domanda l’ha formulata e di cui si aprono tanti varchi, almeno quanti se ne vanno a riconoscere nell’interlocutore che apre il proprio cuore alla confidenza.

Perché alla fine si tratta proprio di confidare, di aver fiducia in chi ti trovi di fronte.

Alla domanda tu, come ti senti?, cosa risponderesti?

E se immagini di essere tu a rivolgere quella domanda, come ti sentiresti di fronte alle confidenze del tuo interlocutore?

In che modo possiamo rinnovare le parole che dedichiamo ai primi approcci del nostro incontrarci?

"Le nostre parole possono portare intorno a noi e in tutto il mondo il bene che abbiamo dentro e di cui siamo capaci, se non le mettiamo a tacere e non le abbandoniamo."

Articoli in evidenza



06 APR

Attraverso la parola

"Le valenze diverse che possono avere gli elementi della nostra comunicazione, non fanno si che non si possa comunicare, anzi...


Leggi tutto
12 Mar

Ciao. come stai?

"E se immagini di essere tu a rivolgere quella domanda, come ti sentiresti di fronte alle confidenze del tuo interlocutore?


Leggi tutto
01 LUG

Tempo presente

"Sul tempo di relazionarci e sulle sue qualità. Il tempo delle nostre passioni e della loro condivisione. Sul tempo di ricercare...


Leggi tutto