La parola "dialogo"

Per la precisione si tratta di dialoghi, come indica la descrizione di questo sito web: un libro, o qualunque altro testo arrivi a noi attraverso la lettura (non escluse le pagine di questo sito web), ci può apparire molto più vicino al monologo che al dialogo. Eppure, quello che avviene ogni volta che ci troviamo di fronte delle parole scritte è proprio un dialogo.

Si tratta di un dialogo che corre su dei binari diversi da quelli che possiamo intendere normalmente, ma non presenta per questo meno intensità per le varie parti che del dialogo stesso sono protagoniste.

Il dialogo con le parole scritte è un'azione che compiamo regolarmente, ogni volta che ci troviamo a leggere un testo, un articolo, un libro, un pensiero, o visitiamo un sito web soffermandoci sui contenuti.

Dialoghiamo con l'opera che ci troviamo di fronte e intimamente, facendo nostre le parole di ogni autore che leggiamo.

Andiamo a trarre un po' della loro verità e dialoghiamo anche quando rifiutiamo e critichiamo, perchè in quei momenti abbiamo fatto una nostra scelta derivata dal confronto con la lettura che ci siamo trovati di fronte. Dialoghiamo anche non potendo – il più delle volte è così – avere uno scambio diretto con l'autore.

La meraviglia della parola messa per iscritto è proprio questa: portare un proprio messaggio andando al di là di ogni barriera, di ogni luogo e ogni tempo, purchè qualcuno la legga.

Il lettore farà poi la propria parte, nella rielaborazione della trasposizione di quel particolare incontro: quello con le parole di cui intraprende la conoscenza attraverso la lettura.

Ogni parola scritta, dunque, oltre ad un dialogo intimo con noi stessi e quella forma forse un po' curiosa ma che avviene con l'autore delle parole stesse, ci da poi il modo di ampliare ancora di più la discussione e le singole possibilità di comprensione.

E' un dialogo che, da quanto ci è dato di sapere fino ad ora, non ha grossi limiti né plausibili confini, e può riservare tante nuove scoperte quanti saranno gli incontri che avverranno.

Anche quando si tratta delle parole delle poesie, evidentemente.

Le pagine

Visita le pagine di annaperrino.it